Contratti non richiesti

 

Hai ricevuto una telefonata con la quale ti hanno chiesto di leggere alcuni dati dalle tue bollette con la scusa di riconoscerti qualche sconto e qualche settimana dopo hai ricevuto una bolletta di una società mai sentita prima?

E' il cambiato il gestore senza che tu abbia sottoscritto un contratto?

Potresti essere vittima di una pratica commerciale scorretta.

Se vuoi conoscere i tuoi diritti o hai bisogno di assistenza puoi telefonarci allo 06 948 070 41 o compilare il modulo di contatto dello sportello online.

L’attivazione di utenze domestiche in maniera illegittima è una delle casistiche più frequenti tra le richieste di assistenza che riceviamo.

Nel mercato libero dell’energia elettrica e del gas, in regime di concorrenza, ogni venditore può presentare offerte contrattuali, ma sono frequenti le pratiche commerciali scorrette, ad esempio:

  • che le offerte, apparentemente convenienti e vantaggiose, siano il frutto di promesse ingannevoli
  • che le nuove utenze siano attivate a seguito di firme false
  • che nuovi contratti siano intestati a persone decedute
  • che non sia rispettato il diritto di ripensamento o di recesso previsto dall'art. 52 del Codice del Consumo.

La conseguenza può essere non soltanto diventare cliente di un nuovo venditore ma anche ricevere bollette di importi più elevati di quelli abituali.

La piena apertura dei mercati a tutte le categorie di utenti, quindi anche ai consumatori domestici (fissata ad oggi al 1° gennaio 2024), può determinare un aumento esponenziale delle pratiche commerciali scorrette, è importante capire come tutelarsi.

Alcuni suggerimenti:

  1. mai comunicare a sconosciuti Codice Fiscale, Iban, POD e PDR: Codice Fiscale e Iban sono dati che possono agevolare il furto di identità. POD e PDR, invece, rappresentano i “codici fiscali” delle nostre utenze, individuano in maniera univoca e inequivocabile i nostri contatori di luce e gas. Sono riportati su ogni nostra bolletta, e sono necessari per attivare un contratto di fornitura di luce o gas;
  2. se vogliamo cambiare i nostri contratti, meglio evitare la sottoscrizione di contratti fuori da locali commerciali, è preferibile recarsi in negozi e centri convenzionati;
  3. prima di sottoscrivere un contratto, leggere con attenzione la “scheda di confrontabilità
  4. chiedere sempre la copia del contratto firmato, contenente le condizioni contrattuali che verranno applicate, controllando che contenga anche la cd. “scheda di confrontabilità”,

Cosa prevede il codice del consumo a tutela dei diritti del consumatore?

L’art. 21 definisce pratica commerciale scorretta qualsiasi azione, omissione, condotta, dichiarazione o comunicazione commerciale, ivi compresa la pubblicità diffusa con ogni mezzo che un professionista pone in essere in relazione alla promozione, alla vendita o alla fornitura di beni o servizi ai consumatori e che, in contrasto con il principio della diligenza professionale, falsa o è idonea a modificare in misura apprezzabile il comportamento economico del consumatore medio che raggiunge o al quale è diretta.

Pertanto il consumatore che ritiene di non aver mai stipulato un contratto con un venditore per la fornitura di energia elettrica e/o di gas, ad esempio perché il suo consenso è stato estorto dall'agente di vendita che lo ha contattato telefonicamente o personalmente in un luogo diverso dagli uffici commerciali del venditore, può contestare il contratto e richiederne

Cosa fare?

Chi è vittima di un contratto non richiesto può riottenere la fornitura del precedente venditore, contestare il passaggio al nuovo, mediante un reclamo scritto con il quale si può anche richiedere l’annullamento totale delle fatture emesse da quest'ultimo.


Stampa