Spettacoli

Homepage > In evidenza > Coronavirus: info e rimborsi > Spettacoli

Con il DPCM 25 ottobre 2020 sono stati sospesi fino al 24 novembre 2020 gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto.

La legge di conversione (l. 17 luglio 2020) del “Decreto Rilancio” (d.l. 19 maggio 2020 n. 34) all'art. 216  dispone:

in caso di spettacoli annullati nel periodo dell’emergenza COVID-19, il consumatore ha diritto al rimborso del prezzo pagato oppure può ricevere dall’organizzatore un voucher di pari prezzo, con validità di 18 mesi dall’emissione.

In caso di concerti di musica leggera, alla scadenza dei 18 mesi di validità del voucher, l’organizzatore deve restituire la somma versata quando la prestazione dell’artista originariamente programmata sia annullata, senza rinvio ad altra data compresa nel periodo di validità del voucher. In caso di cancellazione definitiva del concerto, l’organizzatore è tenuto a restituire immediatamente la somma versata.

Quanto sopra si applica anche ai voucher già emessi.

Per approfondire la normativa del Codice Civile, derogata dai provvedimenti legislativi emessi nel corso dell’emergenza COVID-19: IMPOSSIBILITA’ SOPRAVVENUTA: IL DIRITTO AL RIMBORSO.

 

AZIONI DI MOVIMENTO CONSUMATORI PER RIMBORSI ABBONAMENTI DI CALCIO SERIE A

 

Per informazioni o assistenza, si può chiamare lo 06 94807041, scrivere a rimborsi@movimentoconsumatori.it o rivolgersi allo Sportello online MC

Sportello del consumatore

Hai un problema? Risolvilo con lo sportello online!

link

Petizioni

Firma anche tu e sostieni le battaglie per i tuoi diritti

link

Segnalazioni

Fai sentire la tua voce. Inviaci una segnalazione

link