Servizio civile universale con Arci Servizio Civile Roma: 69 giovani moltiplicatori di visioni

Dove sei: Homepage > Notizie e comunicati > Servizio civile universale con Arci Servizio Civile Roma: 69 giovani moltiplicatori di visioni

30-07-2021

Dal 25 maggio 2021, sono 69 le ragazze e i ragazzi che hanno cominciato il loro anno di servizio civile con Arci Servizio Civile Roma APS, in 15 progetti afferenti a 3 diversi programmi, realizzati in 17 organizzazioni, tra associazioni di promozione sociale, di assistenza e istituti culturali, che costituiscono i nodi della rete associativa e sedi di realizzazione dei progetti.

Questi numeri qualificano dal punto di vista quantitativo le azioni di impegno e di cittadinanza attiva promossa da ASC Roma sul territorio romano e di Monterotondo, azioni che hanno un effetto moltiplicatore in termini di benefici diffusi: per i giovani che si impegnano, per le organizzazioni che promuovono e accompagnano quell’impegno e per le comunità e i beni che sono i destinatari delle azioni poste in essere. Lo strumento della programmazione, che da quest’ anno si associa alla progettazione, intende proprio creare una connessione e una continuità tra l’impegno per rispondere ai bisogni delle comunità e delle realtà locali e le urgenze planetarie indicate nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, per affrontare un insieme di questioni nevralgiche per lo sviluppo del pianeta e di tutti i suoi abitanti.

Questi numeri raccontano anche una visione, un’idea di mondo, in cui ognuno può avere un ruolo nella costruzione di una città dei diritti, basata sulla giustizia sociale, sulla partecipazione, sull’accesso alla cultura e all’educazione per tutti, sulla salvaguardia e tutela del patrimonio culturale e dell’ambiente, tutte considerate condizioni necessarie per creare comunità inclusive e sostenibili. L’impegno delle giovani e dei giovani in servizio civile nel 2021 assume un significato ancora più importante dopo un anno e mezzo di emergenza Covid, in cui ancora molti sono gli sforzi necessari per contenere la diffusione del virus e per arginare le conseguenze sociali ed economiche della pandemia. In questo scenario il protagonismo del servizio civile, enti e giovani insieme, non è solo utile ma necessario.

Le modalità e gli strumenti per dare corpo ad azioni concrete di solidarietà, di inclusione, di tutela e condivisione di beni culturali e ambientali, di sostenibilità ambientale e sociale sono molteplici e nella rete ASC Roma hanno preso la forma di 3 programmi:

La memoria tra conservazione ed educazione mette insieme le proposte progettuali della Fondazione Gramsci, dell’Istituto Sturzo, della Fondazione Basso, del Centro Sraffa, della Fondazione Murialdi, dell’ANPI nazionale e dell’ANPI provinciale di Roma. I 22 giovani impegnati in 5 progetti si prenderanno cura di specifici archivi e in alcuni casi di supportare le biblioteche ad essi correlate, mettendo mano a documenti ancora da ordinare, organizzare, digitalizzare e mettere in Rete, con il doppio scopo di conservare e rendere maggiormente fruibile.

Diritti nella città è il programma costituito da 7 progetti promossi da Arci Solidarietà onlus, Lunaria, Fondazione Angelo Frammartino, ANT, Movimento Consumatori, Intersos, UISP. I 31 giovani impegnati svolgono attività, servizi e iniziative di advocacy su diverse situazioni di marginalità, disagio, esclusione sociale, culturale ed economica, con la finalità di ridurre le ineguaglianze, favorire l’inclusione e rendere le comunità umane accoglienti, sicure e sostenibili.

Azioni per il clima raccorda 3 progetti, promossi da Legambiente nazionale, Insieme per l’Aniene e Tavola Rotonda APS, in cui 16 giovani sono impegnati in iniziative di sensibilizzazione a stili di vita sostenibili che hanno come finalità  la salvaguardia ambientale e in particolare la protezione dell’ambiente dai cambiamenti climatici che costituiscono una minaccia a livello globale.

Nelle motivazioni e nelle aspettative dei giovani che stanno svolgendo il servizio civile si possono cogliere i significati che attribuiscono al Servizio Civile Universale. Valerio De Simoni, operatore volontario del progetto "Sportello AMiCo" realizzato da Movimento Consumatori nell’ambito del programma "Diritti nella città" ci racconta il motivo per cui ha deciso di impegnarsi in azioni di tutela del consumatore migrante per l’inclusione finanziaria che contribuiscono a favorire il processo di piena inclusione socio-economica dei cittadini dei Paesi terzi. “La mia scelta è stata dettata dalla volontà di applicare i principi ispiratori del servizio civile, quali cultura della pace e solidarietà, attraverso la conoscenza delle difficoltà di integrazione che può incontrare un cittadino migrante nel nostro Paese, difficoltà che possono essere superate grazie alle attività di informazione e di assistenza messe in campo  da un’associazione di consumatori come MC”.