Fatturazione a 28 giorni: Wind Tre condannata a rimborsare i consumatori

Dove sei: Homepage > Notizie e comunicati > Fatturazione a 28 giorni: Wind Tre condannata a rimborsare i consumatori

21-07-2021

Il tribunale di Milano all’esito dell’azione ordinaria promossa da MC, ha inibito a Wind Tre S.p.A. l’adozione, l’uso e gli effetti nei contratti di telefonia fissa (o di altri servizi offerti in abbinamento alla telefonia fissa) di clausole che prevedono rinnovi e pagamenti su base temporale di 28 giorni/8 settimane, confermando così il provvedimento cautelare pronunciato nel giugno 2018.

Wind dovrà informare i consumatori interessati (pubblicando un avviso sia sul proprio sito sia su alcuni quotidiani nazionali; inserendo un’informativa dettagliata in fattura e inviando una lettera ai suoi ex clienti); ma soprattutto accogliere, entro 30 giorni dalla ricezione delle richieste, le domande di restituzione dei corrispettivi di telefonia fissa versati dai consumatori in applicazione delle clausole o pattuizioni contrattuali illegittime.

“Sono ancora una volta confermate - osservano Paolo Fiorio e Corrado Pinna, legali dI Movimento Consumatori  - l’illegittimità e la scorrettezza della fatturazione basata sul mese lunare anziché su quello solare, con due importanti novità. La prima è che i giudici, accogliendo integralmente la tesi di MC, hanno stabilito che l’adozione e l’uso di tale periodicità ha leso e lede i diritti e gli interessi collettivi dei consumatori, non solo con riferimento ai contratti sottoscritti tra il giugno 2017 e l’aprile 2018 (quando l’Agcom con la delibera n. 121/17/CONS ha vietato l’adozione della cadenza quadrisettimanale, divieto poi differito fino al 5 aprile 2018 dalla successiva legge n. 172 del 2017), ma addirittura in relazione agli abbonamenti stipulati con la compagnia dal 1° giugno 2016 (ossia dal momento in cui Wind ha abbandonato la cadenza mensile solare, per quella a 28 giorni). L’altra rilevante novità delle sentenza è che l’obbligo di restituzione delle somme indebitamente percepite dalla compagnia dovrà riguardare anche i consumatori che, pur avendo attivato un contratto di telefonia fissa all’interno del periodo 1° giugno 2016 – 5 aprile 2018, hanno poi deciso di recedere dall’abbonamento”.

“Siamo soddisfatti del risultato ottenuto - ha commentato Alessandro Mostaccio, segretario generale MC – che premia gli sforzi profusi negli ultimi quattro anni dalla nostra associazione e dall’Agcom per opporsi a una pratica commerciale scorretta, ingannevole, contraria alla diligenza professionale e idonea a falsare il comportamento economico dei consumatori. Ora, vigileremo affinché Wind adempia a tutti gli obblighi informativi prescritti e soprattutto affinché attivi una procedura per accogliere le richieste di restituzione dei corrispettivi di telefonia fissa versati da tutti i consumatori coinvolti”.

La sentenza del tribunale di Milano

Per info e assistenza:

chiama lo 06 94807041

compila il form

 

 

 

Foto di PublicDomainPictures da Pixabay