Stop 5G. Convegno e presidio per chiedere una moratoria

Dove sei: Homepage > Notizie e comunicati > Stop 5G. Convegno e presidio per chiedere una moratoria

05-11-2019

Oggi, 5 novembre, sarà una giornata Stop G5. Associazioni, politici, scienziati e cittadini provenienti da ogni parte d’Italia parteciperanno a Roma al convegno e alla manifestazione nazionale promossi dallAlleanza Italiana Stop 5G, cui Movimento Consumatori ha aderito, per rinnovare al Governo la richiesta di una moratoria delle sperimentazioni 5G su tutto il territorio nazionale, visto che ad oggi non ci sono certezze in merito alla non pericolosità per la salute di questa tecnologia.
Alla luce delle attuali conoscenze scientifiche, nel rispetto del principio di prevenzione, di precauzione e del principio OMS “Health in all policies”, è necessario fermare la sperimentazione sino a quando non sia adeguatamente pianificato un coinvolgimento attivo degli enti pubblici deputati al controllo ambientale e sanitario e non siano messe in atto valutazioni preliminari di rischio secondo metodologie codificate e prive di conflitti d’interessi.
Il convegno internazionale, patrocinato dai medici di ISDE Italia, dai Sindaci dell’ANPCI - Associazione Nazionale Piccoli Comuni d’Italia, con l’adesione degli scienziati dell’Istituto Ramazzini si terrà dalle 10.00 presso l’Aula del Palazzo dei Gruppi parlamentari della Camera dei Deputati e dalle 15.00 avrà inizio il presidio simbolico in piazza Montecitorio.
I fondi necessari all’organizzazione del convegno e della manifestazione sono stati raccolti, grazie alla campagna organizzata dall’Alleanza su una piattoforma di crowdfunding, mentre la petizione, lanciata da Fiorella Belpoggi, direttore del Centro di Ricerca sul Cancro dell’Istituto Ramazzini, con la richiesta di una moratoria in Italia sulla sperimentazione 5G ha superato ad oggi le 20 mila sottoscrizioni.
"Ringraziamo l’Alleanza Italiana Stop 5G per la dedizione, per la professionalità e per la passione con cui sta portando nell’Agenda nazionale questo tema che riguarda tutti, cittadini, istituzioni e operatori telefonici, chiediamo responsabilità alle istituzioni e trasparenza agli operatori telefonici nell’interesse della salvaguardia della salute di tutti", ha commentato Alessandro Mostaccio, segretario generale di Movimento Consumatori.

Sportello del consumatore

Hai un problema? Risolvilo con lo sportello online!

link

Petizioni

Firma anche tu e sostieni le battaglie per i tuoi diritti

link

Segnalazioni

Fai sentire la tua voce. Inviaci una segnalazione

link