Suggerimenti in caso di acquisti online

Homepage > Conosci i tuoi diritti > Tutela e-consumer > Suggerimenti in caso di acquisti online

Le informazioni relative

devono essere pubblicate in modo trasparente e devono essere raggiungibili in qualunque momento soprattutto al momento della conferma dell’ordine e dell’acquisto. Di seguito alcuni suggerimenti per acquisti "sicuri"

DOVE ACQUISTARE ONLINE

Prima di tutto l’utente che si appresta a stipulare un contratto online deve valutare l’affidabilità della controparte. Ecco alcune semplici precauzioni: 1. selezionate accuratamente i siti e i portali di annunci online su cui fare acquisti. 2. controllate che indichino chiaramente: • I dati identificativi della società, compresa la partita iva • I contatti e-mail e /o telefonici del servizio clienti 3. l’esperienza degli altri utentiè molto utile nella scelta per valutare l’affidabilità del sito venditore, guardate i commenti degli altri acquirenti consumatori sui blog specializzati, sui siti di recensioni, sui gruppi sui social network se ne siete iscritti.

COME ACQUISTARE ONLINE

1. evitare le offerte troppo allettanti, con prezzi eccessivamente bassi, rispetto a quelle sul mercato, quasi sempre nascondono un tentativo di truffa. 2. se volete acquistare prodotti di marca, verificate che il sito sia quello ufficiale dell’azienda, controllando indirizzo e sede legale, anche leggendo le condizioni privacy; 3. se effettuate acquisti direttamente da privati o su siti di annunci privati, acquistate solo da venditori che permettano pagamento in contrassegno, così da avere almeno recapito materiale del prodotto, prima del pagamento e poterlo controllare alla consegna 4. per gli affitti di abitazioni di vacanze da privati, verificare l’esistenza dell’indirizzo tramite un sito di mappe e gli elenchi telefonici on line, o le agenzie immobiliari locali, per aver prova del venditore 5. Acquistare le vacanze tramite i siti di comparazionee offerte online non garantisce in alcun modo sui disservizi, il sito non è direttamente responsabile perché non è lui che vende la vacanza o il viaggio

LE CONDIZIONI DI VENDITA

Il venditore ha degli obblighi di trasparenza, nei confronti degli utenti, sulle informazioni in merito alle condizioni di vendita Leggerle attentamente e verificare che indichino chiaramente: • le caratteristiche dei beni e dei servizi • il prezzo totale dei beni (compresi i costi di spedizione) • le modalità di pagamento • la consegna ed esecuzione • il trattamento dei reclami • il diritto di recesso • la garanzia legale • l’esistenza e condizioni del servizio postvendita • l’esistenza e condizioni di depositi e altre garanzie finanziarie che il consumatore è tenuto a pagare o fornire • le eventuali procedure di conciliazione extragiudiziali • i sistemi adottati per la sicurezza dei dati e transazioni • informazioni sulla Privacy importanteIMPORTANTEcontrollare che le caselle, nella pagina di accettazione delle condizioni di vendita, non siano già pre-selezionate. Dovete essere voi a scegliere se accettare o no le condizioni. Se il professionista non ottiene il consenso espresso, ma l’ha dedotto utilizzando caselle preselezionate, il consumatore ha diritto al rimborso di tale pagamento. Se avete qualche dubbio è utile consultare le FAQ (Frequently Asked Questions, domande frequenti). Le aziende spesso le pubblicano online e sono facilmente raggiungibili da qualunque parte del sito.

MODALITA’ DI PAGAMENTO

Dopo aver scelto il prodotto, vi verrà richiesto l’inserimento del vostro indirizzo e i dati per contattarvi, servono ai fini della spedizione e per informarvi di eventuali ritardi, e poi dovrete scegliere le modalità di pagamento. Cliccando sull’icona “procedi all’acquisto” l’ordine viene completato. Utilizzare carte prepagate con limitato deposito (per importi rilevanti è preferibile il bonifico bancario onde aver tracciabilità del pagamento). Prima di pagare controllare che la pagina abbia una url protetta: “https://www...” anziché “http://www...”. Non lasciate mai i vostri dati, soprattutto i codici di carte di credito e carte prepagate (carta di credito, Paypal, Postepay o altri servizi similari) su siti non conosciuti o di cui non potete verificare l’affidabilità. Non contattate siti tramite i link inseriti in e-mail ricevute, potreste subire intercettazioni da siti esteri dei codici delle carte di credito cosiddetto phishing. Spesso pagare l’intermediazione di agenzia viaggi o agenzia immobiliare garantisce sulla possibilità di risolvere problemi o poter aver possibili risarcimenti In caso di truffanon esitate, denunciate sempre e velocemente rivolgendovi direttamente alle forze dell’ordine, spesso può esser utile anche per possibili risarcimenti. Effettuato il pagamento riceverete una e-mail di conferma da parte del sito venditore con tutti i dati dell’ordine da conservare fino al ricevimento del pacco. Affidatevi a siti noti. Nel caso di siti poco conosciuti fate una ricerca online per sapere se altri prima di voi hanno fatto un acquisto e come si sono trovati.

COSTI E TEMPI DI SPEDIZIONE

Nazionalità del sito Non tutti i siti possiedono un magazzino da cui spedire i beni collocato nei vari paesi, per questi motivi i costi potrebbero essere anche molto elevati e i tempi abbastanza lunghi. Inoltre i prodotti spediti da Paesi fuori dall’UE potrebbero essere gravati di una tassa doganale che non sempre è conoscibile anticipatamente e quindi difficilmente viene resa nota sul sito. Qualora sia prevista una tassa doganale, vi arriverà un avviso di pagamento dalla Dogana da versare a pena della mancata consegna del pacco. Tempi di consegna I tempi di consegna sono disciplinati dall’art 61 del Codice del Consumo. Non devono superare i 30 giorni a decorrere dal giorno successivo a quello in cui il consumatore ha trasmesso l’ordine al professionista. Se il venditore non adempie entro 30 giorni, il consumatore lo invita ad effettuare la consegna entro un termine supplementare appropriato alle circostanze. Se il termine supplementare così concesso scade senza che i beni gli siano stati consegnati, il consumatore é legittimato a risolvere il contratto, salvo il diritto al risarcimento dei danni. Rischio di danneggiamento dei beni speditiIl venditore è responsabile della merce spedita fino a quando non ne entra in possesso il consumatore, quindi secondo quanto previsto dall’art 63, il rischio della perdita o danneggiamento dei beni è trasferito al consumatore soltanto nel momento in cui acquisisce possesso fisico dei beni.

DIRITTO DI RECESSO

Negli art 49 e segg. è previsto un periodo di recesso di quattordici giorni per recedere da un contratto concluso a distanza o fuori dai locali commerciali (c.d. diritto al ripensamento), senza necessità di fornire alcuna giustificazione e senza dover sostenere alcun costo diverso da quelli di restituzione che deve avvenire entro quattordici giorni dalla consegna. I quattordici giorni per il recesso decorrono: 1. per i contratti di servizio a partire dalla conclusione del contratto; 2. per i contratti di vendita dal momento in cui il consumatore acquisisce il possesso dei beni (in caso di consegne multiple da quando consegnato l’ultimo bene; in caso di consegna periodica dal possesso del primo bene); 3. per i contratti di contratti di fornitura di acqua, gas ed elettricità dal giorno della conclusione del contratto. Nel caso in cui il professionista non fornisca correttamente le informazioni sul diritto di recesso, il periodo di recesso si allunga ad 1 anno e 14 giorni dopo aver effettuato l’ordine. In caso di recesso il professionista rimborsa tutti i pagamenti ricevuti dal consumatore, eventualmente comprensivi delle spese di consegna, senza indebito ritardo e comunque entro quattordici giorni dal giorno in cui è informato della decisione del consumatore. La direttiva non si applica a contratti conclusi in ambito di servizi sociali, assistenza sanitaria, gioco d’azzardo, servizi finanziari, trasferimento di immobili, costruzione di edifici, vacanze e circuiti “tutto compreso”, fornitura di alimenti e bevande, trasporto passeggeri, contratti conclusi mediante distributori automatici.

GARANZIA

La garanzia legale è di 2 anni, e di 1 anno per i prodotti di seconda mano.  Per approfondire, clicca qui.  

Sportello del consumatore

Hai un problema? Risolvilo con lo sportello online!

link

Petizioni

Firma anche tu e sostieni le battaglie per i tuoi diritti

link

Segnalazioni

Fai sentire la tua voce. Inviaci una segnalazione

link