Furto di identità: cos'è e quali sono i rimedi

Homepage > Conosci i tuoi diritti > Banche > Furto di identità: cos'è e quali sono i rimedi

Può succedere che

il consumatore scopra di essere vittima di un furto d’identità (oggi sempre più pericolosamente diffusi sulla rete internet in particolare sui social network): qualcuno si è impossessato dei suoi dati personali e li ha utilizzati per ottenere un prestito a nome suo o effettuare pagamenti online (un caso di furto di identità è il phishing). Le conseguenze potrebbero essere anche gravi:

Cosa bisogna fare in caso di furto di identità?

Nel caso in cui la Banca o la finanziaria neghino la cancellazione, potrebbe essere necessario far verificare da un esperto grafologo l’autenticità della sottoscrizione e chiedere in via giudiziaria l’annullamento del contratto. In questa ipotesi la banca o la società finanziaria potranno essere chiamata a rispondere di illegittima iscrizione a centrali rischi e dovrà risarcire i danni subiti dal consumatore.

Quando si può ottenere un risarcimento dei danni e da chi?

Per ottenere assistenza, dalla ricerca alle centrali rischi alla cancellazione dei dati, puoi rivolgerti allo Sportello del Consumatore. Ti aiuteremo nella redazione di un esposto all’Arbitro Bancario Finanziario o a risolvere in via stragiudiziale la questione. Se hai già un account, accedi all’area riservata. Se non hai ancora un account, registrati e iscriviti a MC.

Sportello del consumatore

Hai un problema? Risolvilo con lo sportello online!

link

Petizioni

Firma anche tu e sostieni le battaglie per i tuoi diritti

link

Segnalazioni

Fai sentire la tua voce. Inviaci una segnalazione

link