Tribunale di Milano conferma che fatturazione a 28 giorni è illegittima, respingendo reclami di Wind, Fastweb e Telecom contro MC

Dove sei: Homepage > Notizie e comunicati > Tribunale di Milano conferma che fatturazione a 28 giorni è illegittima, respingendo reclami di Wind, Fastweb e Telecom contro MC

06-06-2018

L'associazione: "Ora compagnie restituiscano 1,2 miliardi di euro ai propri clienti".

Con tre ordinanze pubblicate lo scorso 5 giugno, il tribunale di Milano ha sostanzialmente respinto i reclami proposti da Telecom, Wind e Fastweb ed ha accolto il reclamo incidentale di Movimento Consumatori.

Il tribunale ha confermato l’illegittimità della fatturazione a 28 giorni praticata dalle maggiori compagnie telefoniche ed ha inibito a Telecom, Wind e Fastweb l’applicazione delle clausole che hanno invocato fino ad oggi per non risarcire i consumatori e per respingere ogni richiesta di rimborso o di storno imposta dall’Agcom.

"Il tribunale di Milano – spiegano Paolo Fiorio e Corrado Pinna, legali che hanno assistito MC nelle cause - ha ben rilevato che le unità temporali fondate sui moti lunari (28 giorni) sono state abbandonate nella cultura occidentale da oltre 2.000 anni in luogo delle unità a base mensile, accertando che, seppure con una valutazione sommaria, il comportamento degli operatori telefonici è lesivo degli interessi dei consumatori e costituisce una pratica commerciale scorretta. Il tribunale ha inibito l’uso e gli effetti delle clausole, e, quindi, ogni possibilità per le compagnie di continuare a sostenere la legittimità della fatturazione a 28 giorni. Il tribunale ha condannato le compagnie telefoniche alla pubblicazione di un estratto del provvedimento sui rispettivi siti internet, sui maggiori quotidiani ((ad eccezione di Fastweb) e ad inviarlo in allegato alle fatture di ogni cliente”.

“Sono davvero maturi i tempi perché le compagnie telefoniche - afferma Alessandro Mostacciosegretario generale MC - restituiscano in tempi brevi quanto incassato illegittimamente dai propri clienti: secondo le nostre stime, oltre 1.2 miliardi di euro. In caso contrario, la nostra associazione continuerà la propria battaglia giudiziaria avviando anche una class action”.    

Sportello del consumatore

Hai un problema? Risolvilo con lo sportello online!

link

Petizioni

Firma anche tu e sostieni le battaglie per i tuoi diritti

link

Segnalazioni

Fai sentire la tua voce. Inviaci una segnalazione

link