Banche venete. MC: il plafond di Intesa SanPaolo da 100 milioni di euro per gli ex azionisti è un'operazione commerciale di facciata

Dove sei: Homepage > Notizie e comunicati > Banche venete. MC: il plafond di Intesa SanPaolo da 100 milioni di euro per gli ex azionisti è un'operazione commerciale di facciata

10-10-2017

Movimento Consumatori valuta in maniera molto critica l'iniziativa pubblicizzata oggi da Intesa Sanpaolo con riferimento all'istituzione di un plafond da 100 milioni di euro a favore degli azionisti delle ex banche venete.

Tale iniziativa non pare rispondere alle esigenze delle decine di migliaia di ex azionisti sotto molti profili:

- la limitazione degli indennizzi ai soggetti titolari di un patrimonio mobiliare non superiore a 15.000 euro (escludendo da tale ammontare solo le azioni delle due banche e non altri titoli quali le obbligazioni vendute a tappeto a tutti i correntisti) rende  tale misura applicabile in casi limitatissimi in quanto nella maggior parte dei casi gli azionisti hanno sottoscritto obbligazioni delle due banche per importi quasi sempre superiori a tale soglia;

-ISP non dà alcuna rilevanza alla gravità delle condotte illegittime imputabili alle due ex popolari, né sono precisate le situazioni di "gravi situazioni di difficoltà";

- il limite massimo agli indennizzi fissato per ogni singolo cliente in € 15.000 non tiene in alcuna considerazione la gravità di quelle operazioni nelle quali i risparmiatori sono stati portati ad investire importi elevatissimi, spesso vicini a tutti i risparmi accumulati nel corso della loro vita;

- non viene chiarito quali strumenti finanziari verranno assegnati agli azionisti, né se gli stessi siano liquidi ed immediatamente realizzabili con quale rating e scadenza;

- non è chiarito come avverranno le liquidazione nell'arco del periodo di 5 anni indicato;

- nulla viene detto sulle cosiddette operazioni baciate per le quali ISP ha diritto a richiedere l'integrale restituzione dei finanziamenti erogati per l'acquisto delle azioni, a fronte di indennizzi che in ogni caso non potranno superare € 15.000.

Movimento Consumatori ritiene che l'iniziativa lanciata da ISP sia incongrua per ricostituire un corretto rapporto di fiducia con la propria clientela gravemente lesa dalla vendita fraudolenta delle azioni, rispondendo a mere finalità commerciali.

Movimento Consumatori auspica un repentino e radicale miglioramento dell'iniziativa lanciata da ISP in assenza della quale gli ex azionisti delle due banche venete non avranno altra scelta che interrompere ogni rapporto contrattuale con la banca, invitare a tale decisione ogni loro conoscente ed avviare ogni azione giudiziaria per la tutela dei propri diritti.

 

Sportello del consumatore

Hai un problema? Risolvilo con lo sportello online!

link

Petizioni

Firma anche tu e sostieni le battaglie per i tuoi diritti

link

Segnalazioni

Fai sentire la tua voce. Inviaci una segnalazione

link