Il processo Fonsai Ter Milano

Dove sei: Homepage > Correlate > Il processo Fonsai Ter Milano

27-03-2017

Giudice: GUP di Milano, Andrea Ghinetti

Imputati
: Il Vice presidente di Milano Assicurazioni S.p.A., nonché membro del C.d.A. e del Comitato esecutivo di Fondiaria Sai S.p.A.; il dirigente addetto alla redazione dei bilanci delle medesime Compagnie assicurative e, infine, l’attuario incaricato da Fondiaria Sai di valutare la sufficienza delle riserve tecniche del bilancio 2010.

Lo svolgimento del processo: Si tratta del processo per cui, nel gennaio 2014, era già stata fissata udienza preliminare avanti al GUP di Torino, dott.ssa Boemio, la quale, tuttavia, si era dichiarata territorialmente incompetente a decidere sulle contestazioni di manipolazione del mercato (art. 185 TUF) rivolte a ai tre imputati in questione, disponendo solo per essi la trasmissione dei relativi atti alla procura della Repubblica di Milano, che ha chiesto al GUP del capoluogo lombardo, il loro rinvio a giudizio.

Il processo è, dunque, ripreso avanti al GUP di Milano Andrea Ghinetti il 5 maggio 2015.

Al termine dell’udienza del 14 maggio 2015, il GUP ha ammesso tutte le parti civili costituite da MC.

L’udienza preliminare è proseguita con l’interrogatorio di due imputati (udienze del 1°,  6  e 13 luglio), al termine del quale, tutti gli imputati hanno  formulato la richiesta di essere giudicati con il c.d. rito abbreviato.

In pratica, anziché affrontare l’eventuale dibattimento, con la conseguente assunzione delle prove orali (testi e consulenti tecnici), gli imputati accettano di essere giudicati sulla scorta delle prove documentali raccolte dal Pubblico Ministero (di Torino) in fase di indagini preliminari, così beneficiando di uno sconto di pena certo pari a 1/3.

Conseguenza ulteriore della scelta di questo rito è stata l’uscita di scena dei responsabili civili..

All’udienza del 22 luglio 2015, il procuratore della Repubblica di Milano, dott. Orsi - che ha ‘ereditato’ il procedimento dai colleghi di Torino – ha chiesto l’assoluzione dei tre imputati. Inutile dire che il repentino e inspiegabile cambio di rotta del PM di Milano ha destato non poca sorpresa e perplessità.

Lo stesso PM, infatti, ricevuti gli atti di indagine dalla Procura di Torino, anziché archiviare tutto – come ben avrebbe potuto fare, se non convinto del fondamento delle accuse  e della bontà del materiale probatorio raccolto dai PM di Torino - aveva invece chiesto al GUP di Milano il rinvio a giudizio degli imputati.

A questo punto i difensori delle parti civili, compresi gli avvocati del Movimento Consumatori, hanno ottenuto un rinvio dell’udienza, per organizzare al meglio una discussione, non solo sul risarcimento del danno agli azionisti, ma anche sulla colpevolezza degli imputati (senza la quale non vi sarebbe condanna al risarcimento).

Il 22 settembre scorso, l’avv. Corrado Pinna, del  Movimento Consumatori, ha portato a termine la discussione, chiedendo la condanna degli imputati alle pene di giustizia e al risarcimento del danno a favore di tutti gli azionisti assistiti dalla nostra associazione. Anche la Consob ha concluso per la colpevolezza degli imputati.

Il 15 ottobre 2015 ha discusso ancora qualche parte civile e soprattutto Unipol Sai, chiamata in giudizio dal PM quale incorporante l’ex Fonsai, per rispondere di responsabilità ex 231/2001. La società si è difesa scagliandosi soprattutto contro la famiglia Ligresti rea di aver falsificato i bilanci e manipolato i mercati azionari a beneficio della ‘cassaforte di famiglia’ Premafin e non di Fonsai che anzi ha subito solo danni. Il 23 ottobre 2015 i difensori degli imputati hanno terminato le loro arringhe.

Il16 dicembre 2015, il GUP di Milano dott. Andrea Ghinetti, accogliendo le richieste del Pubblico Ministero dott. Luigi Orsi, ha assolto dai reati contestati di falso in bilancio e aggiotaggio tutti e tre gli imputati

Contro questa decisione – ritenuta erronea – nel settembre 2016 il Procuratore Generale presso la Corte d’appello di Milano e gli avvocati del Movimento Consumatori hanno presentato appello.

La Corte d’Appello di Milano non ha ancora fissato udienza.

Sportello del consumatore

Hai un problema? Risolvilo con lo sportello online!

link

Petizioni

Firma anche tu e sostieni le battaglie per i tuoi diritti

link

Segnalazioni

Fai sentire la tua voce. Inviaci una segnalazione

link