Ddl Cannabis, MC favorevole alla legalizzazione

Dove sei: Homepage > Notizie e comunicati > Ddl Cannabis, MC favorevole alla legalizzazione

25-07-2016

Il ddl sulla cannabis approda oggi in aula alla Camera. Movimento Consumatori esprime un parere favorevole sulla legalizzazione, ma puntualizza: “Non vogliamo liberalizzare, ma disciplinare nel dettaglio, per questo scegliamo e sosteniamo la proposta di legalizzazione”. Secondo l’associazione, il fallimento di decenni di politiche repressive è effettivamente visibile a tutti.

“Un testimone imparziale, di questa prima motivazione, a favore di un cambio di rotta - dice Alessandro Mostaccio, segretario generale MC – è la Direzione nazionale antimafia (DNA), che nella sua ultima relazione annuale ha denunciato a proposito dell'azione di contrasto della diffusione dei derivati della cannabis, il totale fallimento dell'azione repressiva e la letterale impossibilità di aumentare gli sforzi per reprimere meglio e di più la diffusione dei cannabinoidi”.

La DNA ha aggiunto che dirottare ulteriori risorse su questo fronte ridurrebbe l'efficacia dell'azione repressiva su criminalità di tipo mafioso, estorsioni, traffico di essere umani e di rifiuti, corruzione e sul contrasto al traffico delle letali droghe pesanti. Legiferare la coltivazione e la vendita potrebbe dare buoni risultati in termini di deflazione del carico giudiziario, di liberazione di risorse disponibili delle forze dell'ordine e magistratura per il contrasto di altri fenomeni criminali e di prosciugamento di un mercato che, almeno in parte, è di appannaggio di associazioni criminali agguerrite.

Sottrarre in un colpo solo un mercato illegale italiano stimato tra i 15 e i 30 miliardi di euro alle mafie e trasformarlo in legale, costituirebbe una “rivoluzione” senza precedenti che già da sola dovrebbe motivarci nel sostenere la proposta di legge di legalizzazione. Sul piano fiscale si ipotizzerebbero entrate tra i 10 e i 20 miliardi.

“Come associazione di consumatori che vuole promuovere anche il benessere personale e sociale, abbiamo anche altre importanti motivazioni – continua Mostaccio - mi riferisco soprattutto agli effetti positivi sul piano sociale e sanitario, grazie al controllo della qualità delle sostanze vendute. L’aspetto della salute e, in particolare quella dei giovanissimi, deve avere il massimo della nostra attenzione. Le analisi di laboratorio sui campioni sequestrati dimostrano infatti, rispetto in particolare alla marijuana che la potenza di quella attualmente in commercio è fino a dieci volte superiore a quella che veniva consumata negli anni ’80 e ’90. Oggi i ragazzi la comprano per la strada da persone con cui forse sarebbe meglio non venissero in contatto e la consumano senza alcuna consapevolezza. Per questo riteniamo necessario normare per separare i mercati di droghe leggere e pesanti, per vietare l’uso ai minori, perché vogliamo che sia visibile a tutti cosa avverrà agli angoli delle strade dopo la legalizzazione. E non ci dovranno essere minorenni coinvolti e non ci sarà lassismo verso chi sarà ancora lì a trafficare altro!”

Sportello del consumatore

Hai un problema? Risolvilo con lo sportello online!

link

Petizioni

Firma anche tu e sostieni le battaglie per i tuoi diritti

link

Segnalazioni

Fai sentire la tua voce. Inviaci una segnalazione

link