MPS: costituisciti parte civile

Dove sei: Homepage > Campagne e progetti > MPS: costituisciti parte civile

01-10-2016

Movimento Consumatori invita gli azionisti a rivolgersi all’associazione per costituirsi parte civile fino al 15 dicembre 2016.

Al termine dell’udienza preliminare di sabato 1° ottobre 2016, il Gup presso il tribunale di Milano ha rinviato a giudizio gli ex vertici e dirigenti di MPS (Giuseppe Mussari, Antonio Vigni, Gianluca Baldassarri, Daniele Pirondini e Marco Di Santo), i funzionari e alcune figure apicali delle banche internazionali Nomura International PLC (Sayeed Sadeq e Raffaele Ricci) e Deutsche Bank (Ivor Dunbar, Michele Faissola, Michele Foresti, Dario Schiraldi, Matteo Vaghi e Marco Veroni), per i reati di false comunicazioni sociali e di manipolazione del mercato, con l’aggravante del nocumento del pubblico risparmio, per la rappresentazione infedele della situazione patrimoniale di Mps, conseguente ad una serie di complesse operazioni di finanza strutturata.
 


Si tratta di reati gravissimi che hanno duramente danneggiato la più antica banca del mondo e decine di migliaia di azionisti che hanno creduto nell’operato di top manager risultati inaffidabili. Movimento Consumatori ad oggi ha raccolto oltre 250 costituzioni di parte civile e in vista del dibattimento che si aprirà il prossimo 15 dicembre invita gli azionisti a rivolgersi a MC per costituirsi parte civile.
 


Gli azionisti MPS possono scrivere a mps@movimentoconsumatori.it, indicando la provincia di residenza.

 

IL CASO MPS
Il 27 novembre scorso nell’udienza per il caso Mps, il Gup del tribunale di Milano ha ammesso la costituzione di parte civile di Movimento Consumatori e dei 250 azionisti che si sono rivolti all’associazione. Nell'udienza del 18 gennaio 2016 il gup Cristofano ha indicato come responsabili civili la banca senese e Nomura International mentre ha bocciato la richiesta delle difese di citare come tali Bankitalia e Consob. Inoltre il gup, accogliendo una eccezione presentata dalla difesa di Nomura, ha estromesso dal procedimento la banca nipponica e ha stralciato la sua posizione rimandando gli atti alla procura. La prossima udienza è stata fissata per il 4 marzo 2016 alle 9,30.

Questo processo era stato inizialmente avviato dal tribunale di Siena nella primavera del 2014 e poi trasmesso per competenza a Milano. I sostituti procuratori di Milano, dopo ulteriori indagini, hanno modificato in parte la contestazione originaria, provvedendo alla notifica di un nuovo avviso di conclusione delle indagini preliminari, cui è seguita una nuova richiesta di rinvio a giudizio degli ex vertici Mps (Giuseppe Mussari, Antonio Vigni e Gianluca Baldassarri) e di NOMURA International PLC (Sayeed Sadeq e Raffaele Ricci) per i reati di false comunicazioni sociali e di manipolazione del mercato, con l’aggravante del nocumento del pubblico risparmio per la rappresentazione infedele della situazione patrimoniale di Mps, conseguente ad una serie di complesse operazioni di finanza strutturata. L’udienza preliminare fissata il 12 ottobre era stata poi rinviata al 27 novembre scorso.

I reati contestati sono estremamente gravi e hanno profondamente compromesso l’immagine e la fama internazionale della più antica banca del mondo e soprattutto depauperato il portafoglio azionario di decine di migliaia di azionisti, che hanno creduto nell’operato di top manager risultati inaffidabili. Per questa ragioni, MC ha lanciato una campagna nazionale che ha già portato circa 250 azionisti a costituirsi parte civile insieme all'associazione e che è tuttora in corso, per consentire agli azionisti di costituirsi parte civile prima dell’apertura del dibattimento, che verrà celebrato nei confronti degli imputati che saranno, eventualmente, rinviati a giudizio.

Il processo MPS a Milano
Il Movimento Consumatori è da tempo impegnato nella tutela degli azionisti della Banca Monte dei Paschi di Siena (“MPS”) ed è stato ammesso quale parte civile nel processo iniziato avanti il Tribunale di Siena ed oggi trasferito a Milano per ragioni di competenza.

La procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio degli ex vertici di MPS (Giuseppe Mussari, Antonio Vigni e Gianluca Baldassari) e di NOMURA International PLC (Sayeed Sadeq e Raffaele Ricci) per i reati di false comunicazioni sociali e di manipolazione del mercato, con l’aggravante del nocumento del pubblico risparmio per la rappresentazione infedele della situazione patrimoniale di MPS, conseguente ad una serie di complesse operazioni di finanza strutturata.

Una corretta rappresentazione della situazione patrimoniale e finanziaria di MPS avrebbe infatti fatto emergere una perdita non inferiore a 308 milioni di euro che avrebbe portato il risultato di esercizio da un utile di € 159 milioni di euro ad una perdita di 149 milioni, rendendo così del tutto indesiderabile un investimento nelle azioni della banca (Per saperne di più).
Le operazioni oggetto di contestazione hanno arrecato un grave danno alla società che, non correttamente rappresentato nei bilanci, ha indotto centinaia di piccoli azionisti ad acquistare o a non vendere le proprie azioni subendo così un grave danno economico.

Dei danni subiti da decine di migliaia di investitori ne risponderanno gli imputati, MPS e Nomura che intendiamo chiamare in giudizio come responsabili civili.

Movimento Consumatori tutela tutti gli azionisti per affermare i fondamentali principi della correttezza e della legalità nell’esercizio delle attività economiche.

Sportello del consumatore

Hai un problema? Risolvilo con lo sportello online!

link

Petizioni

Firma anche tu e sostieni le battaglie per i tuoi diritti

link

Segnalazioni

Fai sentire la tua voce. Inviaci una segnalazione

link